L’imprenditore farmaceutico pugliese Sergio Fontana è il nuovo presidente di Confindustria Albania, l’associazione del sistema confindustriale che rappresenta le imprese italiane che operano nel “Paese delle Aquile”.
Sergio Fontana, amministratore unico della Farmalabor di Canosa di Puglia e presidente della Zona BAT di Confindustria Bari BAT, da oggi rappresenterà nei confronti delle istituzioni albanesi le esigenze di circa 50 aziende italiane iscritte a Confindustria Albania, fra cui vi sono nomi del calibro di Coca-Cola, Intesa San Paolo, Maccaferri, Essegei, Sol, oltre a diverse PMI pugliesi fra cui: Chimica D’Agostino, Giovanni Putignano e Figli, GVM, Pezzol, Base Protection, Sanigen.


“Il mio impegno – ha dichiarato Fontana – sarà quello di diventare un punto di riferimento per le imprese italiane e pugliesi che intendono fare affari in Albania e per le autorità albanesi. Aiuteremo gli imprenditori a cogliere le numerose opportunità di mercato che il boom economico albanese ci schiude. L’Albania non rappresenta più, infatti, una semplice occasione di delocalizzazione di produzioni a basso costo, ma un vero e proprio mercato di sbocco finale per molti prodotti del made in Italy. Per facilitare il business delle imprese italiane ci impegneremo a chiedere alle Istituzioni albanesi innanzitutto un potenziamento dei collegamenti aerei diretti con l’Italia e un rafforzamento delle collaborazioni con il mondo universitario, che già si stanno sviluppando da alcuni anni.”
L’Albania sta vivendo una intensa crescita economica che vede un incremento del PIL a 3,46 per cento nel 2016 . L’interscambio tra Italia ed Albania nel 2016 è ammontato a circa 2,2 miliardi di euro. L’Italia è nettamente il primo cliente dell’Albania, con il 54,57% di quota del volume delle esportazioni, è anche il primo fornitore dell’Albania, con il 29,28% di share del volume delle importazioni. Nei primi 5 mesi del 2017, il dato dell’interscambio tra Italia ed Albania fa già segnare un significativo +7,1% rispetto all’analogo dato del 2016, che conferma il trend in continua ascesa di questo indicatore. Secondo i dati del 2016, dopo l’Italia, di gran lunga primo partner commerciale, figurano la Germania, la Cina, la Grecia, la Turchia e il Kosovo.
A ciò si aggiunge un elevato sviluppo turistico, come nel caso di alcune mete divenute polo di attrazione di italiani (in particolare di pugliesi), la cui presenza è cresciuta del 56 per cento nell’ultimo anno.In questo promettente contesto, Confindustria Albania ha il compito di orientare e informare le aziende italiane sulle opportunità e criticità del mercato albanese; facilitare la creazione di partnership, collaborazioni e sinergie fra imprese; rafforzare il dialogo tra le aziende italiane in Albania e il tessuto imprenditoriale locale; diffondere la conoscenza economica dell’Albania in Italia e consolidare la cultura di impresa nel “Paese delle aquile”.