Salute e sicurezza sul lavoro - Oscillazione per prevenzione - OT 24 2014

L’Inail ha pubblicato, nel proprio sito internet, il nuovo modello OT 24 2014 che consente alle imprese di ottenere una riduzione del tasso medio di tariffa.

Circolare n. 120

L’Inail ha pubblicato, nel proprio sito internet, il nuovo modello OT 24 2014 che consente alle imprese di ottenere una riduzione del tasso medio di tariffa (art. 24, D.M. 12/12/2000 e s.m.i.).

Possono presentare istanza tutte le aziende che, in possesso dei requisiti indicati dall'Istituto:
•    sono operative da almeno un biennio a partire dalla data di inizio attività;
•     sono in possesso dei requisiti per il rilascio della regolarità contributiva ed assicurativa;
•     abbiano effettuato, nel corso del 2013, interventi di miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa in materia.

La domanda va inviata solo per via telematica entro e non oltre il 28/2/2014.
Le domande delle imprese saranno soggette a controllo a campione da parte dell’INAIL per verificare la veridicità di quanto indicato.
Lo sconto ottenibile sui premi tramite il modello OT24 INAIL 2014 è il seguente (DM 3 dicembre 2010, che ha recepito la delibera INAIL n. 79/2010):

fino a 10 lavoratori sconto del 30%
da 11 a 50 lavoratori sconto del 23%
da 51 a 100 lavoratori sconto del 18%
da 101 a 200 lavoratori sconto del 15%
da 201 a 500 lavoratori sconto del 12%
oltre 500 lavoratori sconto del 7%


Punteggio
L’Inail attribuisce agli interventi di miglioramento un punteggio che va da 10 a 100.
Per poter accedere alla riduzione del tasso medio di tariffa è necessario aver effettuato interventi tali che la somma dei loro punteggi sia pari almeno a 100.
Gli interventi, inoltre, devono essere relativi ad almeno due diverse sezioni, ad eccezione di quelli rientranti nella sezione Interventi particolarmente rilevanti, cui sono attribuiti 100 punti e sono, quindi, sufficienti per accedere allo sconto.
Per le aziende che abbiano effettuato interventi diversi da quelli predeterminati nel modello viene confermata la possibilità di indicarli in appositi spazi nella parte finale del modello stesso.
Questi interventi saranno oggetto di specifica verifica da parte dell'Istituto.

Novità rilevanti rispetto al precedente modello
1. Nella sezione A sono stati aggiunti i sistemi di gestione e sicurezza SGSL-GP specifici per le Aziende del settore Gomma Plastica (A7).

2. Molto importanti sono le novità in merito sia alla sezione relativa alla sorveglianza sanitaria con l’introduzione di 3 nuovi punti, per agevolare la telemedicina e la diffusione dei defibrillatori (B4, B5, B6), sia in ambito di formazione (B2, B5).

3. Vi è una voce in più nella sezione dedicata ai lavoratori stranieri (G3).
 
4. Altra novità è la presenza nel modello di una nuova sezione denominata “Gestione delle emergenze - protezione da sismi e altre calamità naturali”, che prevede quattro nuove voci:

•   presenza del piano di emergenza e delle prove di evacuazione in aziende ove sono occupati meno di 10 dipendenti;
•   avere nel piano di emergenza anche altri scenari (eventi sismici o calamità naturali) ed avere effettuato per ogni singolo scenario la relativa prova;
•    aver effettuato e testato il piano di emergenza assieme alla Protezione civile;
•   aver fatto specifica formazione ed informazione dei lavoratori su eventi calamitosi o sismici.

5. Nel modello 2014 è stata introdotta una sezione dedicata ad interventi in attuazione di accordi di collaborazione e protocolli d’intesa tra Inail, Istituzioni, Parti sociali e Organismi Paritetici (in particolare, nel modello è indicato l’accordo sottoscritto tra Inail e Federchimica “Programma Responsible Care”).

Riteniamo opportuno ricordare che, in aggiunta allo sconto sulle tariffe Inail e ai finanziamenti destinati dal Bando Isi 2013, la recente Legge di stabilità 2013, accogliendo le richieste di Confindustria, ha previsto una riduzione percentuale dell'importo dei premi e contributi dovuti per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, tenendo conto dell'andamento infortunistico aziendale (art. 1, comma 128, L. n. 147 del 2013) e la prossima revisione sia delle tariffe che dei meccanismi di oscillazione.

Nel merito, rinviamo ad un successivo approfondimento in attesa dell’emanazione del decreto interministeriale che definirà le modalità di applicazione della riduzione.

Pin It