/ Menu laterale sinistro  / Commercio estero / Missione imprenditoriale in Tunisia: 8-9 maggio 20...

Missione imprenditoriale in Tunisia: 8-9 maggio 2016


Confindustria, ICE-Agenzia, ABI e gli altri membri della Cabina di Regia per l’Internazionalizzazione organizzano - con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - una missione imprenditoriale a Tunisi dall’8 al 9 maggio 2016.

La missione, che sarà guidata dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Paolo Gentiloni, rappresenterà un’importante occasione di rilancio ed approfondimento delle opportunità commerciali e di investimento che il mercato tunisino offre alle imprese italiane.

Numerosi sono i fattori che rendono la Tunisia uno dei Paesi più interessanti della sponda sud del Mediterraneo: la vicinanza geografica con l’Italia, gli accordi commerciali con l'Unione Europea, il quadro politico-istituzionale post-rivoluzionario e le specializzazioni produttive manifatturiere locali che attribuiscono al mercato tunisino un’alta capacità attrattiva soprattutto nei settori ad alto valore aggiunto.

L’iniziativa sarà dedicata ai seguenti comparti industriali:

  • Agricoltura, meccanica agricola e tecnologie per la trasformazione      alimentare
  • Infrastrutture e costruzioni
  • Energie Rinnovabili

Obiettivo della missione sarà quello di approfondire le opportunità di business offerte dal mercato tunisino in queste filiere, non solo in termini commerciali ma anche di partnership industriali e di investimenti.

Programma della missione

Il programma dei lavori, visibile sul sito web tunisia2016.ice.it , avrà inizio a Tunisi la mattina di lunedì 9 maggio con l’organizzazione di sessioni tecniche di approfondimento sulla legislazione tunisina e sui settori oggetto della missione; seguirà il Business Forum Italia-Tunisia, dedicato alle relazioni politico-economiche tra i due Paesi ed alle opportunità di collaborazione e di investimento offerte dal mercato tunisino.

Nel pomeriggio saranno previste sessioni di incontri bilaterali volti ad avviare contatti operativi e ad esplorare possibili aree di cooperazione.

Adesione all’iniziativa

Le imprese interessate a partecipare alla missione possono dare conferma della loro adesione entro e non oltre il 18 aprile 2016 compilando la scheda online disponibile sul sito web tunisia2016.ice.it che si invita a consultare periodicamente per essere costantemente informati sugli aggiornamenti di programma, sulla documentazione disponibile e sugli aspetti logistici dell’iniziativa.

Per le adesioni ricevute oltre la data indicata non sarà garantita l’organizzazione di incontri di business.

Qualora il profilo dell’azienda italiana iscritta dovesse presentare elementi di incompatibilità o di criticità rispetto all’interesse delle controparti tunisine, sarà cura degli organizzatori darne tempestiva comunicazione.

Catalogo

Tra le azioni di comunicazione previste per facilitare i contatti con le controparti locali è prevista la realizzazione di un catalogo, in lingua francese, con una pagina dedicata a ciascuna azienda che prenderà parte alla sessione di incontri bilaterali. Per la redazione del catalogo verranno utilizzate le informazioni riportate nella scheda di adesione come inserite all’atto dell’iscrizione. Le aziende partecipanti dovranno inviare, contestualmente all’iscrizione, il logo (Azienda o Marchio) in formato vettoriale o in alta definizione all’indirizzo e-mail: tunisia2016@ice.it

Organizzazione e logistica

La partecipazione alla missione è gratuita; le spese di viaggio e di alloggio saranno a carico di ciascun partecipante che dovrà provvedere ad effettuare in autonomia le relative prenotazioni di volo e hotel sulla base delle indicazioni che verranno successivamente fornite dagli organizzatori.

Formalità per l’ingresso in Tunisia

Per l'ingresso dei cittadini italiani in Tunisia è necessario il passaporto con validità residua di almeno tre mesi.

VISTO: non necessario per soggiorni fino ai 90 gg. E’ richiesta la sola compilazione, a bordo dell’aereo, di un modulo con i propri dati anagrafici e la motivazione del viaggio che viene poi ritirato dalla Polizia di frontiera.

Per ulteriori informazioni si consiglia di consultare il sito web www.viaggiaresicuri.it