/ News / Comunicati stampa / 2019 / 7 / 3 / REGIONE PUGLIA, DI GIOIA SI DIMETTE: IMPRESE PREOC...

REGIONE PUGLIA, DI GIOIA SI DIMETTE: IMPRESE PREOCCUPATE PER I BANDI PSR


Comunicati stampa
03 Luglio 2019


Alla notizia delle dimissioni dell’Assessore regionale all’Agricoltura Leo Di Gioia, il presidente di Confindustria Bari BAT Sergio Fontana esprime preoccupazione per il rischio di un ulteriore ritardo che si potrebbe abbattere sull’espletamento dei bandi regionali che finanziano progetti di trasformazione di prodotti agricoli  (Misura 4.2 del PSR ) e progetti  di investimento nelle aziende agricole (Misura 4.1 del PSR).

A questi bandi, attualmente bloccati da ricorsi amministrativi, sono legate le sorti di circa 3.200 progetti agricoli per circa 600 milioni di investimenti e 500 progetti di trasformazione per 800 milioni di investimenti.
“Migliaia di imprenditori che hanno già effettuato investimenti confidando nei finanziamenti regionali, attendono da tropo tempo  una risposta dalla Regione. – dichiara il presidente di Confindustria Bari BAT Sergio Fontana – “ Se ai problemi amministrativo-giudiziari si aggiunge anche la paralisi politica, le aspettative delle imprese saranno tradite e si rischierà il disimpegno delle risorse comunitarie, dato che lo stato di avanzamento del PSR è, ad oggi, è  solo al 20%.”

Confindustria Bari BAT chiede, pertanto, a nome delle imprese associate di accelerare le istruttorie dei bandi 4.1 e 4.2 senza lasciarsi bloccare da conflitti politici e sollecita la Regione ad adoperarsi per reperire ulteriori risorse dai fondi residui del POR FESR 2007-2013 al fine di dare risposta al maggior numero possibile di progetti candidati.

“La attuale debolezza dell’economia – conclude Fontana - ci impone di non perdere tempo in una campagna elettorale permanente e di impegnarci invece per spendere presto e bene le risorse comunitarie così da poter dare una spinta alla crescita, considerando che l’agricoltura, per il peso notevole che riveste nella nostra regione, genera un indotto importante nella manifattura, nei servizi e nel mondo dei professionisti.”