/ News / in primo piano / 2020 / 9 / 14 / INFRASTRUTTURE, FONTANA INCONTRA IL MINISTRO DE MI...

INFRASTRUTTURE, FONTANA INCONTRA IL MINISTRO DE MICHELI


in primo piano
14 Settembre 2020


Il presidente di Confindustria Bari BAT  Sergio Fontana ha incontrato il Ministro dei Trasporti Paola De Micheli, in visita lo scorso 11 settembre all'azienda associata GTS a Bari. Il Ministro ha assicurato 10 miliardi di investimenti infrastrutturali per la Puglia, che fanno parte del piano Italia Veloce per favorire lo sviluppo del trasporto più pulito, quello intermodale. 

Il piano che il governo sta progressivamente realizzando a partire dai primi 16 mld che il Mit ha sbloccato in questo primo anno ha come obiettivo prioritario il massimo dell’intermodalità, un completamento delle linee ferroviarie veloci e il potenziamento delle linee regionali in tutta Italia e ha ovviamente un obiettivo strategico sulla portualità che per la Puglia è fondamentale. Una 'visione' che la ministra proietta anche sull'azienda barese mettendo insieme il progetto di un sistema di trasporto nazionale per ottenere un “ambiente” che accompagni aziende come Gts in maniera strategica, rafforzando la loro posizione sul mercato e consentendo loro di essere più competitive. 

Soddisfazione per gli investimenti annunciati è stata espressa anche dalla Confindustria locale, presente all’incontro, che sottolinea però l'esigenza di regole nazionali più europee "maggiori liberalizzazioni e soprattutto regole comuni  al resto d'Europa  per consentire alle imprese di competere ad armi pari con i competitors europei", chiede alla ministra Sergio Fontana, presidente di Confindustria Bari Bat e Confindustria Puglia. 

Il Ministro De Micheli ha apprezzato ne corso della sua visita gli ottimi risultati della GTS, un esempio di imprenditoria di successo del Mezzogiorno.  “Il nostro fatturato continua a crescere a due cifre (solo a luglio 10 mln) – dice Alessio Muciaccia, ceo di Gts - e grazie alle politiche green in risposta all’emergenza della pandemia, contiamo di crescere molto di più. Inoltre non abbiamo messo nessuno in cassa integrazione per il Covid”.